Il punto sulla nuova Champions League dal 2024: più partite, più spettacolo, più polemiche

di Redazione 19 Dicembre 2023 0:43

Inevitabile oggi chiedersi come cambierà la Champions League dal 2024. La Champions League, la competizione calcistica per club più importante al mondo, è pronta a cambiare volto a partire dalla stagione 2024/2025. Il nuovo format, approvato dal Comitato Esecutivo UEFA nel 2022, prevede una serie di modifiche significative, che hanno suscitato non poche polemiche.

La più importante novità è l’abbandono della fase a gironi, sostituita da un unico girone unico con 36 squadre. Ogni squadra giocherà 8 partite, 4 in casa e 4 in trasferta, contro avversarie scelte in base al ranking UEFA. Le prime otto classificate si qualificheranno direttamente per gli ottavi di finale, mentre le squadre dal nono al ventiquattresimo posto si affronteranno in spareggi in gara unica per determinare le ultime otto semifinaliste.

Le altre modifiche per la Champions League dal 2024

Le altre modifiche riguardano la qualificazione alla competizione. Le quattro squadre campioni dei quattro maggiori campionati europei (Inghilterra, Spagna, Germania e Italia) saranno qualificate di diritto alla fase a gironi, mentre le altre 24 squadre saranno determinate in base al ranking UEFA. In particolare, 12 squadre si qualificheranno attraverso le qualificazioni, 10 attraverso i campionati nazionali e 2 attraverso un nuovo torneo pre-stagionale, la cosiddetta “Europa Conference League Conference League Play-Off”.

Il nuovo format della Champions League ha suscitato diverse polemiche. I sostenitori della riforma sostengono che essa aumenterà l’appeal della competizione, offrendo ai tifosi l’opportunità di vedere più partite tra le migliori squadre europee. Inoltre, la riforma consentirà di qualificare più squadre dai campionati minori, aumentando la competitività della competizione.

I critici della riforma, invece, sostengono che essa porterà a un aumento del numero di partite e del calendario già congestionato, con il rischio di aumentare il rischio di infortuni. Inoltre, la riforma potrebbe favorire le grandi squadre, che avranno più partite per accumulare punti e qualificarsi per le fasi finali.

Indipendentemente dalle polemiche, il nuovo format della Champions League è destinato a cambiare il volto della competizione. Con più partite e più squadre coinvolte, la Champions League sarà ancora più spettacolare e competitiva, ma anche più impegnativa per i giocatori e i tifosi.

Effetti del nuovo format

Il nuovo format della Champions League avrà una serie di effetti, sia positivi che negativi.

Effetti positivi

Aumento dell’appeal della competizione: il nuovo formato offrirà ai tifosi l’opportunità di vedere più partite tra le migliori squadre europee. Inoltre, la riforma consentirà di qualificare più squadre dai campionati minori, aumentando la competitività della competizione.
Aumento dei ricavi: il nuovo formato dovrebbe portare a un aumento dei ricavi per l’UEFA, grazie all’aumento del numero di partite e di squadre coinvolte.
Maggiore equità: la riforma dovrebbe aumentare l’equità della competizione, dando a più squadre l’opportunità di qualificarsi.

Effetti negativi

Congestione del calendario: il nuovo formato porterà a un aumento del numero di partite, con il rischio di aumentare il rischio di infortuni.
Favorire le grandi squadre: la riforma potrebbe favorire le grandi squadre, che avranno più partite per accumulare punti e qualificarsi per le fasi finali.

Il nuovo format della Champions League è un cambiamento significativo che avrà un impatto sulla competizione. Solo il tempo dirà se le modifiche introdotte saranno positive o negative.

Commenti