Sulla neve di San Siro Inter e Palermo danno spettacolo

di Ivano Sorrentino 1 febbraio 2012 23:50

I diciottomila che hanno assiepato gli spalti di San Siro questa sera per assistere alla gara tra l’Inter di Ranieri ed il Palermo sono sicuramente tornati a casa soddisfatti. Sfidare la neve è stato infatti ripagato da una gara che ha fatto ricordare sfide d’altri tempi terminata con in rocambolesco punteggio di 4-4, cose che non si vedono spesso sopratutto nel nostro campionato. Il Palermo è infatti arrivato a Milano con la ferma convinzione di voler giocare a massimo e provare a portare da San Siro il maggior numero di punti, lo dimostra il fatto che i rosanero sono subito passati in vantaggio grazie al goal di Mantovani al 17’esimo minuto.

L’Inter si è però scossa subito e al 22’esimo ha subito ristabilito la parità grazie al “principe” Diego Milito che ha portato il risultato sull’1-1 con le due squadre che hanno mantenuto questo punteggio per tutta la prima frazione di gara. Il goal di Milito ha però fatto risvegliare il migliore attaccante avversario ovvero il “Romario del Salento” Fabrizio Miccoli che al 52’esimo ha riportato i siciliani in vantaggio facendo esplodere i tifosi che dalla lontana Sicilia hanno seguito i rosanero a Milano. Il duello Miccoli-Milito era però appena iniziato in quanto al 55’esimo è ancora un Diego Milito assolutamente ritrovato a far esplodere gli infreddoliti ma divertiti tifosi interisti.

sul punteggio di 2-2 le squadre non danno assolutamente l’idea di essersi arrese e l’Inter ritorna in vantaggio al 61’esimo con la tripletta personale di Milito a cui però risponde il goal ancora di Miccoli al 66’esimo, siamo 3-3. Basterebbe già questo per far ricordare questa incredibile partita ma Milito pensa che tre goal non sono abbastanza e all’69’esimo sigla il 4-3. Il Palermo si getta in avanti e con la forza della disperazione riesce ad ottenere uno storico e insperato pareggio con Miccoli che all’85’esimo batte Julio Cesar per il 4-4 finale.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti